Pagina:Ordini di cavalcare (1571).djvu/20

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4 LIBRO

non siano di gran valore (cosi come vi dissi) che quantunque habbiano della flemma, humor corrottibile, & molle, nondimeno perche dimostrano quelle rote, o macchie, o parti negre, ogni un di loro sara flemmatico salso, humore acre, & incorrottibile, che nasce da colera adusta, & flemma, tal che per ciò dico che sogliono essere i Cavalli di tal mistura di pelo, generosi, & assai valenti: & ancor di questa complessione far a il sagenato sopra negro, ma tiene più del superbo, perche non ha tanto dell’humido; così come il sauro metallino, havendo più del l’adusto, far a parimente più superbo del baio castagno.

Et è da sapersi, che quando il pelo negro si genera da colera adusta, il Cavallo sarà furibondo, animoso, & di molto senso; & assai fiate suol esser fraudolente, & ingannevole, & si dice vulgarmente zaino. Ma quando vien da humor malinconico naturale, sara egli allora timido, duro, & pigro. Et quando ha dell’uno, o dell’altro, non sempre si può al mostaccio, & a i fianchi rossi, o negri conoscere, overo distinguere, fuor che per li costumi, & per lo valore de gli effetti suoi; perche alcuna volta fallisce:che quantunque egli tenga i peli negri sopra i fianchi, conforme al corpo, potrebbe esser ancora la sua complessione di colerico adusto, & non di malinconico naturale; & questo fara il morello perfetto, al quale convien molto alcun segno bianco, pur che sia nelle parti dove accade, così come ancora conviene al morello mal tinto, che si dice Andrino. Tal che come la virtù del pelo è maggiore(se in esso solo perfetti segni)cosi similmente quando vi fossero mali, è meno da stimarsi. Là onde mi pare a proposito di dire, che il Cavallo vuole havere le balzane, che non siano troppo calcate, per la ragione che dissi dianzi, & si ancora secondo si giudica per l’opre che nascono da lui, tanto più valendo, quanto meno sagliono sopra le giunte delle pastore. Et benche molte volte questi segni falliscano, & si veda l’effetto contrario, non perciò mi par di tacergli: & qual sara il meglio, & quale il peggio, ora si dirà.

[Buoni, e cattivi segni.]Il balzano della man della lancia sara maneggiante, di buon senso, ma suole essere disastroso.

Il balzano della man della briglia non è da troppo stimarsi, il balzano dal piè destro si dice Arzeglio. Et benche nell’opre suole apparere eccellente, guardisi ogni Cavaliero in battaglia di trovarsi sopra di esso, per che sara caval superbo, vitioso, & infortunato.

Il balzano del piè della staffa è di stima grande, & dimostra quasi sempre esser di buon core, & assai corritore.

Il balzano delle due mani sara disastroso, & mal fortunato, & sia pur con l’uno o con l’altro piede bianco, che non perciò se li toglie totalmente la sua pessima qualità, perche la ragion vuole, che’l Cavallo habbia sempre più bianco di dietro, che davanti.

Il balzano solo di due piedi è ben segnalato. Et se di più tiene la stella nella fronte, maggiormente è da farne mirabil conto. Et quando senza la stella questo

balzano