Pagina:Orlandino.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

13



Rodamonte fantastico animale
     fu un berton di donna Doralice
     da cui compro Mandicardo bestiale
     la sopradetta e diva merretrice
     e ne fu Orlando al suo cugin rivale
     nel omnia vincit come Turpin dice
     fu ben ver chel cavo del senno fore
     un natural, e fantastico humore.

Fu Carlo Magno un bel cacca pensieri
     e padre di civetti e fottiventi,
     Avino, Avolio, Ottone e Berlingieri
     Astolfo il vituper de suoi parenti
     & era un scempio il Marchese Ulivieri
     e il Danese il fachino delle genti
     e Gano un trufatel, Namo un castrone
     & una pecoraccia Salamone.

D’Angelica Marfisa, e Bradamante
     di Fiordiligi, di Morgana, e Alcina
     non vo cantar che chi non e ignorante
     la vita loro amorosa, eindivina
     io l’assimiglio alla puttana errante
     Antea, Origilla e Fallerina
     l’Anchoria errante anch’essa era puttana
     e Gabrina di tutte la ruffiana.