Pagina:Pancaldi - Idea di progetto di una supposta strada ferrata nella provincia di Bologna, 1842.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

231
Riporto 
Sc 129,250.-
la corsa di miglia sessanta nostre; occorrendo maggior forza, e quindi maggior dispendio nell’esercizio delle Locomotive obbligate ad ascendere pel monte, sono 
63,000.-
Sono in tutto 
192,250.-
Asportazioni
Merci in colli di transito, e di Dogana dalla Toscana a Bologna, Ferrara, ed al Pò Grande ogni anno, quintali metrici 7mila a ragione di bai. 40 
Sc. 2,800. — .
Granaglie come retro ec. per 
800. — .
Merci, e prodotti grossi per 
2,000. — .
Viaggiatori 16mila a ragione di Sc. 2.50 per ognuno ragguagliatamente 
4,000. — .
1Sono 
Sc. 45,600.-
Si avrebbe perciò secondo questi scandagli un introito annuale dall’esercizio della strada ferrata di 
Sc. 237,850.-

Dal che ne consegne il sottoposto Bilancio

Attività della Strada 
Sc. 237,850.-
Passività derivanti dall’annuo mantenimento ordinario in Sc. 105,000, e dall’interesse del 4 per cento all’anno da bonificare ai Capitalisti sulla somma di Sc. 2,265,000 che è di Sc. 90,600, e in tutto 
195,600.-
Annuo avanzo netto da ogni spesa 
Sc. 42,250.-

In conseguenza per quanto alla economica speculazione dell’impresa essa non sarebbe da rigettare, poichè basterebbero 50 circa anni per ammortizzare il capitale impiegato di Sc. 2,265,000; e si potrebbero formare a costituirlo 6,000 Azioni di Sc. 377.50 l’una, pagabili in tre anni colla sicurezza che dopo anni 50 si avrebbe la strada da poter contrattare o con


  1. N. B. In un progetto reale, e non ipotetico sarebbe essenzialissima la verificazione di queste partite, non potendo io garantire i dati raccolti per calcolarle come ho fatto.