Pagina:Pancaldi - Sulla rete delle strade ferrate del Nord Ovest dell'Italia, 1856.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

delle strade ferrate 329

tenersi ferma la traccia proposta e peritata dall’Ingegnere Polmayer nell’anno 1846, variazione sulla quale si farà in appresso una qualche osservazione, facendo intanto rimarcare che la linea da Padova per Rovigo e Ferrara a Bologna riuscirebbe della lunghezza di Chilometri N. 116 ossia più breve di quella per Borgo-Forte e Reggio Chilometri 122.

21.° Data l’idea generale della linea in tutta la sua estensione se vuolsi poi considerare divisa in due sezioni come la separa naturalmente il Pò, la prima cioè percorrente il territorio Veneto alla sinistra del Pò, la seconda distesa per le due Provincie Pontificie di Ferrara e di Bologna alla destra del fiume stesso, per l’una il suo andamento è segnato e può dirsi stabilito dei centri tutti assai popolati che si trovano da Padova sino al Pò, ed ha per guida la corriera di Padova, e di Rovigo dalla quale non si scosterà mai sensibilmente anco nell’allacciar con curve risentite e compatibili in oggi col nuovo sistema delle locomotive, i paesi Veneti che si sono notati. La zona dei terreni da attraversare è di suolo fermo e poco accidentato, non presenta straordinario impegno nella costruzione de’ manufatti tranne quella del ponte sull’Adige; e sul di lei tracciamento sono già d’accordo le Provincie oltre Pò cui interessa l’attivazione della Ferrovia. In quanto all’altra stazione, e cioè dal Pò per Ferrara a Bologna, la linea attraversa le due Provincie Pontificie che prendono il nome delle due Città, e pel di cui territorio dev’estendersi. La linea di questa Sezione che diremo Pontificia, non è altro se non se la parte di quella accennata anni sono da codesta Società Agraria, già esaminata, studiata, e peritata dall’Ingegnere Prussiano sig. Polmayer il quale ne distese il piano di esecuzione accompagnandolo di mappa e di livellazione ordinata dalla illustre Società Fondatrice della Strada Ferrata dal Pò al confine Toscano, e la di cui parte montana rimane compresa nella concessione della Ferrata centrate d’Italia data alla grande Società rilevatrice delle Ferrovie Lombarde e della centrale stessa.

22.° Il tratto di Ferrovia da Bologna sino al Pò è quello che tanto interessa da vicino le due Provincie Pontificie di