Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


XIV

INCONTRO DI CATULLO CON CESARE


Or Catullo viveva in ragionevole trepidazione di scontrarsi con Cesare. Se Mamurra per tollerabili scherzetti gli aveva spedito sicari a rompergli la testa, questa era roba da coltello.

Ed ecco si scontrò con Cesare.

Il quale disse:

— Non si salutano più gli amici? Vedo che vi occupate in satira delle cose mie.

— La satira è un piatto nazionale, — rispose Catullo.

— Già, — disse Cesare — , una specie di cibreo dove c’entra miele... e aceto. Una specie di pan pepato o pan forte. Voi però, Catullo, esagerate nel pepe e nell’aceto. Ci avete aggiunto, o vi hanno consigliato di aggiungere un po’ di cicuta? Già che vi incontro, vi vorrei dire una cosa: nel caso vi venisse genio di qualche altro epigramma, abbandonatevi meno all’imaginativa e tenete più conto di qualche altra informazione più precisa intorno a Cesare: il ritratto che avete fatto di Cesare è sbagliato. Cesare è figlio di Venere, perciò