Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 alfredo panzini


crudeltà che furono poi celebrate in tragedia sin da poeti a noi vicini, cosi Clodia avrebbe soppresso quel Celio con quella acquetta tofana, detta anche manna di San Nicolò, che fu la preferita delle avvelenatrici.

Queste reminiscenze letterarie di Medea e di Clitemnestra, come in un carme alessandrino, sono sospette.

Per quel che riguarda Celio, si può anche ammettere: un uomo che mette in piazza una dama può meritarsi la contro-partita.

Ma Clodia aveva proprio necessità di liberarsi del buon Metello? Che Metello Celere fosse uomo integro è cosa certa, ma che fosse cosi avveduto nelle faccende coniugali, si da doversene lei liberare, non sembra.

Occupato nel reggimento della cosa publica, non poteva veder tutto e se anche vedeva, non era terribile come furono i mariti dell’evo medio.

Pare, anzi, che poco vedesse e meno capisse nelle faccende intercorrenti tra sua moglie e Catullo. Ce lo dice Catullo stesso in una sua poesia.

«Quando lui era presente tu, o amor mio, parlavi male di me. Ciò gli faceva tanto piacere. Ma come è scemo! Se lei non avesse parlato niente di me, allora si ci potevi credere che lei non era innamorata e non pensava a