Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204 alfredo panzini

Questa concordanza dei poeti è veramente cosa molto triste.


Bella città è Nicea, capitale della Bitinia, non lungi da Ankara: fertili sono i suoi campi. A cambiare aria gli ha fatto bene.

Però in Oriente l’estate è assai calda, la primavera è precoce e il tempo equinoziale ventoso è volubile più di Catullo. Ma appena i venti e le piogge equinoziali passarono, ecco Zefiro passeggiò sul mondo, sfiorò la terra, e apparve il sereno.

Balzarono allora dal cuore di Catullo alcuni versetti esultanti e palpitanti come mai ne ebbe la Primavera in suo onore.

Quei versetti saltellano nel ritmo stesso della canzone sul passerotto morto: Jam ver egelidos refert tepores.

E vi si racconta che Zefiro ha imposto silenzio alle furie dei venti equinoziali.

Questo Zefiro, o Zefiretto, oggi ha un sapore stantio della vecchia Arcadia, si che nessuno lo nomina più; ma duemila e più anni fa, era un venticello che volava allegro con due ali di farfalla, per scongelare la terra, con un paniere pieno dei fiori della primavera, e al suo alitare maturavano le sementi e le spighe.

Forse era mandato dalla Dea Cibele.

Il tepore ridesta persino gli addormentati