Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 alfredo panzini

E invece? Oh, poveruomo!

In vita non lunga, pur Cicerone scrisse tanto! Qualche merito va perciò anche a Tirone.


— Mi raccomando, Tirone, — disse, — le clausole finali con voci piane e non dattiliche, et praecipue, la equilibrata distribuzione degli aggettivi: se trovate un motto o una parola greca che vi sembri indispensabile, non dimenticate di permettervi un «cosi per dire» o «come si dice in Grecia»...

— Concedete di grazia che io esponga la mia opinione? —, domandò Tirone.

— Concedo, — rispose Cicerone.

— Voi avete, a sostegno di Àrchia, ricordato il nostro Ennio; ma sapete che quei giovani futuristi che tanto vi applaudivano, hanno gran disprezzo per il vecchio nostro poeta Ennio?

— Lo so purtroppo, o buon Tirone —, rispose Cicerone —. Poeta egregio fu Ennio, benché da questi imitatori di Euphorione sia disprezzato; ma quel che dissi era argomento indispensabile alla mia orazione, e non potevo trascurarlo.

— E allora, un’altra domanda, o Marco Tullio.

— Dite, dite Tirone.

— Voi avete detto: « e ammesso anche che