Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il bacio di lesbia 47


le buone lettere non portino il frutto della virtù »... con quel che segue. L’onda regale della vostra parola trascina si che nessuno dei giudici si è accorto di questa limitazione dubitativa. Dunque le belle, le buone lettere, possono anche dare frutto non buono ? E allora sono utili alla Repubblica? Questo vi domando per sapere da voi se devo o non devo fermare per scrittura quella vostra limitazione.

— Sta veramente il fatto, — disse Cicerone evitando più precisa risposta, — che il nostro Appio Claudio il cieco, di immortale memoria, respinse da Roma i filosofi greci come dannosi alla salute della Repubblica: lo stesso si potrebbe dire dei poeti. Caro Tirone, io sono un tantillum vittima dello stoico Panezio da Rodi, il quale nel suo « libro dei doveri » scrisse che soltanto ciò che è onesto è anche utile. Bisognerebbe dunque distinguere quali sono le belle lettere oneste e quali non oneste. Distingue frequenter! Avete ragione, o Tirone: ma non è facile. Talvolta è periculosum.


A questo punto un giovane apparve.

— Marco Tullio, — disse costui, — l’atrio era aperto e io sono entrato. C’era «cave canem», ma io non ho paura dei cani, invece non c’era l’atriense: perciò eccomi qui.

Era un giovane pallido in bianca toga, con