Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 alfredo panzini

Péreat Cato! Catone che è morto e Catone che è vivo.

— Oh, vi pare? — disse ironicamente la dama —. I due presidii di Roma, come Castore e Polluce.

Quei giovani erano furibondi contro i Catoni, e ognuno diceva la sua.

Catone il vecchio quando Marcello portò a Roma le statue d’oro di Siracusa aveva detto che quelle statue erano pericolosi nemici. Faranno disprezzare i nostri numi di argilla. Aveva detto che per seicento anni Roma era stata bene in salute senza medici. Ora la Grecia ci manda i medici per distruggere tutti i Romani.

La dama disse:

— Può darsi che l’abbia detto per tirchieria, per non pagare medici e medicine, perché son tirchi tutti e due, zio e nepote. Odiosissimo difetto! Ma è la sola cosa dove vado d’accor* do con Catone: meno li vedo i medici d’attorno, e più piacere mi fanno.

E un altro di quei galanti disse:

— E Catone il giovane, il senatore, non ha avuto il coraggio di proclamare che quando i Romani si fossero dati agli studii dei poeti greci, avrebbero perduto il loro stato?

— Che ne pensate, Marco Tullio? — domandò la dama. — Mi dispiace proprio sentir