Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
58 alfredo panzini


di legge, dovevate ricordarvi che per condannare a morte un cittadino romano, il voto del Senato non basta: ci vuole l’appello al popolo, e l’appello al popolo è mancato!

Tutti quei giovani applaudirono.

— Un’altra volta —, dice la dama —, se vi fanno console, ricordatevi: meno zelanteria! La zelanteria nasconde spesso la paura.

— Pulcre, bene, Clodia! — dissero i giovani.

— I morti, in politica —, disse la dama — hanno l’abitudine di ritornare. Dunque voi siete parente di Catone? — domandò ancora rivolta al giovane.

Catullo disse:

— Catullo e non Cato, dama.

— Alla buon’ora, — disse la dama —: nessuna relazione dunque con quella gente censoria?

— Nessuna. Io sono da Verona.

— Da Verona? Allora voi siete parente di Brenno. Verona non si chiamava una volta Brennona?

La dama parlava per gaiezze, smemoratezze, indifferenze, e ciò basterà per capire come appartenesse alle classi più elevate della società.

E parlò cosi:

— Voi, Marco Tullio, che siete un’arca di