Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il bacio di lesbia 59


scienza, lo dovreste sapere se Verona fu fondata da Brenno. — E senza attendere risposta, — Ecco —, diceva —, Galli togati come questo Catullo, Galli cornati, Galli ispani come Egnazio, poi Veneti, poi Liguri, poi quelli del Latium novum, come voi, Marco Tullio, poi Sanniti, poi Campani, poi Siculi... Vi decidete o non vi decidete? Voi senatori, voi boni viri, optimi cives, vi ostinate immobili su la rocca capitolina. Avete ammazzato i Gracchi, avete ammazzato i compagni di Catilina, ammazzerete mio fratello. Non dico che fate male. Se non li ammazzate, loro ammazzeranno voi. Solo vi avverto che la partita è perduta. Chi vincerà non so. Certo non voi, Marco Tullio, che non siete né carne né pesce, né Catone vincerà, che non vale nemmeno la sua ostinatezza. Avete la memoria corta, voi, boni viri Sono passati pochi anni dalla guerra sociale, e pur con tutte le stragi del vostro Siila, avete dovuto cedere, e concedere cittadinanza romana agli Italici, se no, addio Roma! Innalzavano a Corfinio un’altra capitale. Vi devo dire tutto il mio pensiero? È stato un pessimo affare buttar giù Cartagine. Vi meravigliate delle rivoluzioni! Oh, bella! Ma non foste voi a voler buttar giù Cartagine? Non fu il vostro Catone con l’affare dei fichi freschi? Che brutto servizio ci hanno reso i fichi freschi! Dopo