Pagina:Panzini - Novelle d'ambo i sessi.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 novelle d'ambo i sessi

adipe, trasudante profumi; vivificata da due occhi neri sfacciati.

— Ebbene, di che si tratta? — domandò l’onorevole.

— Parlo me, — disse Cleopatra.

Scusame, lassa far a mi, lassa parlar a mi, — disse Antonio.

— Si decidano.

— Allora, — disse Cleopatra, — parlare mio marito; lui parlare bene italiano.

E Antonio cominciò allora:

— Ci ha mandati da lei l’avvocato Mastropaoli. Veramente l’avvocato Mastropaoli ha detto: “Cari amici, questa pratica non c’è che un onorevole che ve la possa disbrigare, perchè la xe de caratere politico. Io non ce ne posso„.

— Però, — interruppe Cleopatra, — ha ben potuto prendere mille franchi, di cui mancano esatte notizie.

Tasi ti, contrasta! — rimbeccò Antonio. — I denari i va e i vien. I xe avocati: xe el so mestier! Allora mi go dito alla mia signora: “Trovato!„ “Chi?„ L’avvocato Petrucci: el xe onorevole, el xe giovane, el xe omo de slancio, el xe de idee moderne, el xe el nostro rappresentante. E semo vegnudi, ma l’onorevole el gera a Roma.

— Prego di spiegare.