Pagina:Panzini - Trionfi di donna.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
160 i trionfi di eva

la calma per l’equilibrio che si veniva alfine formando tra questa anima nuova e il mondo circostante: era il piacere per la fine dell’angoscioso dissidio che durava da mesi: era il bagliore del suo nudo seno, proteso allo specchio, che le ricordava le carni ignude della sera prima, premiate dal mondo con una cappa di diamanti: era la fine della dolorosa coscienza antica, il principio della coscienza nuova. Era il piacere del rinascere!

Mrs. Evelyne, l’esperta, aveva ragione: occorreva a Nadina una vesta nuova, un nuovo involucro! E Mrs. Evelyne spiava intanto con occhio attento il succedersi di quei sentimenti sul volto della fanciulla, come il medico scruta nell’ammalato gli effetti del male. Quando il sorriso apparve spiegato, disse:

— Quest’abito è per voi, Nadina! — giacchè quel sorriso voleva altresì significare come risposta anticipata all’offerta: «sì, grazie, signora, accetto».

***


Ma questa risposta non venne!

Uno strano cambiamento avvenne:

Un — No! — di paura e di angoscia risuonò nella saletta di prova.

E gli specchi rifletterono quell’angoscia e quella