Pagina:Panzini - Trionfi di donna.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

senape inglese o senape francese? 173

via trovata una buvette, vi entrò, ed egli, uomo astemio, fu indotto a bere un acerbo ed eccitante liquore. Obbediva forse inconsciamente a quel motto della sapienza popolare: «chiodo scaccia chiodo: un diavolo ne espelle un altro?»

Poichè ebbe bevuto, uscì fiducioso di aver libera la via, e proseguì il cammino verso la casa del senatore. Il feltro chiaro era scomparso dall’orizzonte. «Il divorzio — pensava — disgrega la cellula protoplastica della famiglia. E allora....» ma mentre esaminava entro di sè tutte le terribili conseguenze di questa premessa, proprio sotto il voltone di un palazzo deserto, immobile, sola, lo aspettava al varco il feltro bianco. Ciò si legge anche nelle rime di Francesco Petrarca:

E fecesegli incontro
A mezza via come nemico armato!

Era troppo! Il degno magistrato si fermò e si trovò nell’assoluto dovere professionale di inquisire e domandò: «Chi siete voi? Come vi chiamate? Quanti anni avete? Che professione esercitate? Donde venite? Quali sono i vostri mezzi di sussistenza? Da quanto tempo dimorate in questa città? e — finalmente — dove abitate?»

Tutte queste domande che avrebbero offeso qualunque persona, non turbarono che mediocremente la giovinetta: la quale come imputata che non ha nulla da nascondere, nulla da rimpro-