Pagina:Panzini - Trionfi di donna.djvu/267

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

il trionfo di puccìn 263


— Perchè c’è un ritratto della Madonna della Seggiola e le abbiamo dato da intendere che quella è la mamma.

— E Pio e Mondino (erano i nomi dei fratelli) dove sono?

— Tutti a Venezia! — rispose con voce dolce e pacata Puccìn.

***


Avete voi mai posto mente alla voce dei bimbi fra i due ed i tre anni, quando cominciano a far le prime prove dei suoni delle parole? quando le loro movenze hanno grazie inaspettate e veramente meravigliose come se dentro si agitasse una prima anima pura, la quale per non far morire il nato dall’uomo e dalla donna, muore essa anima pura e lascia quindi il posto a quell’anima seconda e diverse che è quella che maturerà con gli anni?

Allora, in quei fuggitivi anni, la voce infantile contiene un’eco come — per porgere alcun paragone — la voce del ventriloquo. Pare cioè che provenga di lontano: e nella sua semplicità ha fioriture e vaghezze di linguaggio simbolico.