Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 viàggio d’un pòvero letterato

odorava di felsina, e di gaggie, in quella sua composta signorilità. E si vedèvano i pochi edifici sopra i colli imminenti, spiccavano con purità ellènica.

Poi, non so come, sentivo mormorare questi versi del pòvero Severino Ferrari:

                                                                           Vedi?
                                        L’alba s’accende ed alza le ben cento
                                        Torri Bologna fùlgida a’ tuoi piedi.

E Severino Ferrari richiamava Biancofiore:

                                        O Biancofiore, i tuoi rìccioli d’oro
                                        Come belli dormian sovra il tuo sen!

E allora anche Carducci, così maldestro a cantare d’amore, si commoveva per consenso, e sospirava:

                                        O alti pioppi che tutto vedete,
                                        Dìtene, adunque, Biancofiore ov’è?