Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/196

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Capìtolo xviii.


IL RÈDUCE DALLA GUERRA.


Alla stazione di Rìmini io ho veduto il soldato, rèduce dalla guerra.

Dove l’avevo già veduto un’altra volta? Certo io l’ho veduto! Quando? L’ho veduto nel mese di ottobre, non questo, l’altro ottobre, in Galleria a Milano. Se non è lui, non importa, è uno come lui: vestito di grìgio; con le scarpe d’ordinanza; una bandierina tricolore sul berretto. Anzi alcuni avèvano bandierine anche su la bottoniera. Camminàvano un po’ dinoccolati, un po’ sperduti, sotto la Galleria; tendèvano ad andare insieme.

«Viva Trìpoli! Viva l’Esèrcito!» gridava la gente al loro passàggio.

Ma, sul tardi, èrano molto più sciolti e arditi, e prima di arrivare al quartiere,