Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/254

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
238 viàggio d’un pòvero letterato


— Ah, ecco — disse il dottore che aveva trovato — ; e mi venne da presso, e mostràndomi un ritrattino che aveva mezzo occultato nella mano, domandò:

— Questo chi è?

Giovanni Pàscoli — risposi naturalmente.

Quello infatti che il dottore mi mostrava era un ritratto di Giovanni Pàscoli.

Il dottore sorrise; scoprì per intero il ritrattino e disse: — No, è il padre, Ruggero Pàscoli che aveva, quando fu ucciso, press’a poco la stessa età del poeta quando l’anno scorso morì. La somiglianza è così grande che tutti rispòndono come lei, e questa somiglianza non è senza significazione. Ma c’è di più: guardi.

Il ritrattino sbiadito rappresentava il signor Ruggero Pàscoli, sorridente, felice, in mezzo alla nidiata dei suoi figliuoli, attorno a lui, su le ginòcchia di lui.

— Ma vede! — disse il dottore — . La mano del padre è posata per protezione e per più intenso affetto su la testa di Giovannino. Ciò lei può dire che è casuale; ma ecco un altro ritratto — e ne mostrò un altro, una spècie di dagherro-