Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 viàggio d’un pòvero letterato

pomerìggio. Il trenino di ritorno era affollato di alpini e artiglieri; essi parevano anche più titànici dentro il minùscolo scompartimento. Ròsei, felici, chiassosi.

Prima che partisse il treno, venne un tenente d’artiglieria, elegante elegante, e li interpellò bonariamente con la parola «ragazzi!». Strana parola, ai miei orecchi. Perchè «ragazzi» vuol dire: «chiamati a vivere»; ma nella mia fantasia voleva dire: «chiamati a morire!».

Ma in fondo a che cosa siamo chiamati?