Pagina:Panzini - Viaggio di un povero letterato.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Capìtolo v.


BOLOGNA DI NOTTE.


Arrivo a Bologna da Verona; ore dodici e dieci minuti dopo la mezzanotte. L’Hôtel Moderne, o Hôtel Bologna, o Bologna meublé, o comunque si chiama, è tutto occupato.

— Aspetti bene una mezz’ora, — mi dice un personàggio tutto stilizzato, tutto esòtico, ma con un accento così bolognese che era impossìbile rèndere esòtico. — C’è un signore in partenza, e le faccio sùbito mèttere in òrdine la càmera.

Merci, monsieur le concierge; e nel frattempo andremo a bere una birra.

Cara, vècchia Bologna, me ne congràtulo per te, e mi dispiace per me. Ti vai stilizzando troppo, e ogni anno di più, ogni anno più esòtica, più Milano; ed io non ti riconosco più. Sei volata via, vècchia Bologna? Vècchia torre degli Asinelli, se hai giudìzio,