Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/135

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

III.


— Ah! fece lui, me faccio maravija
Ch’un omo come lei pò dubitallo!
Allora lei vor di’ che lei me pija
4Per uno che viè’ qui per imbrojallo!

Nonsignora, maestà. Lei si consija
Co’ qualunque sia ar caso de spiegallo,
E lei vedrà che er monno arissomija,
8Come lei me l’insegna, a un portogallo.

E basta avécce un filo de capoccia,
Pe’ capì’ che, dovunque parte taja,
11Lei trova tanto sugo e tanta coccia.

E er monno che cos’è? Lo stesso affare.
Lei vadi indove vo’ che non si sbaja,
14Lei trova tanta terra e tanto mare.



— 125 —