Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

VI.


Basta, dunque, pe’ fa’ breve er discorso,
Va be’, je fece er re, quer ch’ho promesso
Lo mantengo; ma, dice, ve confesso,
4Che io nun ce vorrebbe avé’ rimorso:

Per cui, st’affare qui ha da fà’ er suo córso:
Perch’io, si governassi da me stesso,
Che c'entra?, ve direbbe: annate adesso...
8— Ma allora, fece lui, co’ chi ho discorso?

Ma voi chi sete? er re o un particolare?
— Per esse’ re so’ re, non c’è quistione;
11Ma mica posso fa’ quer che me pare.

Vor dì’ che voi portate li rigistri
De le spese, l’esatta relazione,
14Che ve farò parlà’ co’ li ministri. —




— 128 —