Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXVI.


E quelli puntuali! Appena giorno,
Che ce se cominciava appena a vede’,
Se n’agnedero, e come che sbarcorno
4Nun sapevano dove mette’ er piede.

Defatti, appena scenti, se trovorno
Davanti a ’na foresta da nun crede’,
Dove che malappena che c’entrorno,
8Che vòi vede', percristo, lo stravede!

Te basta a dì’ che lì in quela foresta,
Capischi? le piantine de cicoria
11Je ’rivàveno qui, sopra la testa.

Eh, quelli, già, se sa, so’ siti barberi:
Ma tu, invece de ride’, pîa la storia
14E poi tu viemme a dì’ si che so’ l’arberi.




— 148 —