Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXVII.


Ché lì l’arberi, amico, o callo o gelo,
Be’, quelli da li secoli passati,
Da che Domineddio ce l’ha piantati
4So’ rimasti accusì, quest’è vangelo.

E lì, cammini sempre in mezzo a un velo
D’un ciafrujo de rami, intorcinati
Co’ l’antri rami, che te so’ ’rivati
8Che le punte, perdio, sfonneno er celo.

E l’erba? Sta intrecciata accusì stretta
Che ’na persona, lì, si vo’ annà’ avanti,
11Bisogna che la rompe co’ l’accetta.

E poi che rompi? Sì!... Ne rompi un metro;
Ma all’urtimo bisogna che la pianti,
14Ché lì fai un passo avanti e cento addietro.




— 149 —