Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XXXV.


E accusì finì lì; che venne er giorno
Che quelli cominciorno a annà’ in gattaccia37:
E quell’antri je diedero la caccia,
4E venne er giorno che ce l’acchiapporno.

E allora, se capisce, cominciorno
Le lite, e dopo venne er vortafaccia:
Quelli je seguitorno a ride’ in faccia;
8Ma quell’antri, lo sai? je la cantorno,

Dice: lassamo perdè’ le servagge,
Si no, dice, mannaggia la miseria,
11’Na vorta o l’antra qui nasce ’na stragge!

Ma quelli... quelli, invece seguitaveno,
E allora diventò ’na cosa seria,
14Perché le donne, poi, quelle ce staveno.



— 157 —