Pagina:Pascarella - Sonetti.djvu/173

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

XLI.


E lui fu accòrto peggio d'un sovrano!
Li re, l'imperatori, le regine,
Te dico, le baciaveno le mano:
4Le feste nun aveveno mai fine.

E da pertuttoquanto er monno sano,
Fino ar fine dell'urtimo confine,
Onori... feste... E dopo, piano piano
8Cominciorno li triboli e le spine.

Ché l'invidiosi che, percristo, viveno
De veleno, ner vede' uno ch'arriva
11A fa' quello che loro nun ce 'riveno,

Je cominciorno come li serpenti,
Mentre che lui né manco li capiva,
14A intorcinallo ne li tradimenti.




— 163 —

11