Pagina:Pascoli - Traduzioni e riduzioni, 1923.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

poesia popolare eroica civile 185

pieno di vele bianche. Di sui monti
re Carlo guarda muto quelle torri.

     “O savio Namo, duca di Baviera,
che terra è quella presso la riviera?
Chi l’ha, può dirla sola sotto il cielo.
Or io son triste e posso essere allegro!
Si: dovess’io restar nella vallea
quattordici anni, o uomini di guerra,
o miei compagni, capitani, arcieri,
figli, leoni! San Dionigi attesto:
non muovo un passo, se non ho la terra!„
Ascolta e freme il duca di Baviera.

     “Comprala dunque, perocché nessuno
la prenderà! Guardano le sua mura,
coi Bearnesi, ventimila Turchi,
ed ha ciascuno doppia l’armatura.
Noi? trionfammo, certo, noi; ma una
volta! Ora siamo men che donne, tutti
spossati, in cerca d’un letto di piume:
il meno stanco, eccolo: è il più canuto,
son io. Re Carlo, io parlo senza lustre.
Poi, dove hai tu petriere e catapulte?
Cavalli e genti, non se ne può più.
Assalir con le freccie quelle mura
noi può pensar che il folle che sei tu„.

E Carlo al duca: “Non hai detto come
si chiama„.
                     “Sfugge, a questa età, qualcosa.
Pietà, signore, per i tuoi baroni!
Noi vogliamo tornare a casa nostra,
ai nostri focolari, ai nostri amori:
chè chi conquista sempre, mai non gode.
Terre, n’abbiamo prese, Imperadore,