Pagina:Pastor fido.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Ma non son’io già quel ch’un tempo fui
   Sì caro à gli occhi altrui.
   O dolcezze amarissime d’amore
   Quanto è più duro perdervi, che mai
   Non v’haver ò provate ò possedute.
   Come saria l’amar felice stato,
   Se ’l già goduto ben non si perdesse,
   O quando egli si perde
   Ogni memoria ancora
   Del dileguato ben si dileguasse.
   Ma se le mie speranze hoggi non sono,
   Com’è l’usato lor, di fragil vetro,
   O se maggior del vero
   Non fà la speme il desiar soverchio,
   Qui pur vedrò colei,
   Ch’è ’l Sol degli occhi miei:
   E, s’altri non m’inganna,
   Quì pur vedrolla al suon de miei sospiri
   Fermar’il piè fugace.
   Quì pur da le dolcezze
   Di quel bel volto havrà soave cibo
   Nel suo lungo digiun l’avida vista:
   Qui pur vedrò quell’empia
   Girar inverso me le luci altere,
   Se non dolci almen fere,
   E se non carche d’amorosa gioia,
   Sì crude almen ch’i moia.
   Oh lungamente sospirato in vano
   Avventuroso dì, se dopo tanti