Pagina:Pastor fido.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Tutta vestita d’edera tenace;
   A cui da lume un picciolo pertugio,
   Che d’alto s’apre; assai grato ricetto
   Ed a’ furti d’amor commodo molto.
   Hor tù gli amanti prevenendo, quivi
   Fa che t’ascondi, e ’l venir loro attendi,
   Invierò la mia Lisetta intanto.
   Poi le vestigia di lontan seguendo
   Di Silvio, come pria sceso ne l’antro
   Vedrollo, entrando anch’io subitamente,
   Il prenderò, perche non fugga, e ’nsieme
   Farò (che così seco ho divisato)
   Con Lisetta grandissimi rumori.
   A quali tosto accorrerai tù ancora,
   E secondo ’l costume esequirai
   Contra Silvio la legge, e poi n’andremo
   Ambedue con Lisetta al sacerdote:
   E così il marital nodo sciorrai.
   Am.Dinanzi al padre suo? Co. Che ’mporta questo?
   Pensi tu che Montano il suo privato
   Comodo debbia al publico anteporre?
   Ed al sacro il profano? A. hor dunque gli occhi
   Chiudendo ò fedelissima mia scorta
   A te regger mi lascio.
   Cor.Ma non tardar. entra, ben mio. A. Vò prima
   Girmene al tempio à venerar gli Dei,
   Che fortunato fin non può sortire,
   Se non la scorge il ciel, mortale impresa.
   Cor.Ogni loco Amarilli è degno tempio