Pagina:Pastor fido.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Il tempo attenderò di dar effetto
   A quel che bramo. il mio nemico morto
   A la nemica mia porterò innanzi:
   Così d’ambeduo lor farò vendetta,
   Indi trapasserò col ferro stesso
   A me medesmo il petto, e tre saranno
   Gli estinti, duo dal ferro, una dal duolo.
   Vedrà questa crudele
   De l’amante gradito
   Non men che del tradito
   Tragedia miserabile, e funesta.
   E sarà questo speco
   Ch’esser dovea de le sue gioie albergo,
   De l’uno, e l’altro amante,
   E quel che più desio
   De le vergogne sue tomba, e sepolcro.
   Ma voi orme già tanto in van seguite
   Cosi fido sentiero
   Voi mi segnate? à così caro albergo
   Voi mi scorgete? e pur v’inchino, e seguo.
   O Corisca, Corisca
   Hor sì m’hai detto il vero, hor sì ti credo.


I 3