Pagina:Pastor fido.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Subito spenta) pallido, e tremante;
   Dirà spirto immortale, hai tu ne l’alma
   Il tuo solo, e santissimo ricetto.
   Raro mostro e mirabile d’humano
   E di divino aspetto,
   Di veder cieco, e di saver insano,
   Di senso, e d’intelletto,
   Di ragion, e desio confuso affetto
   E tale hai tu l’impero
   De la terra, e del ciel, ch’à te soggiace.
   Ma (dirol con tua pace)
   Miracolo più altero
   Hà di te il mondo, e più stupendo assai,
   Però che quanto fai
   Di maraviglia, e di stupor tra noi,
   Tutto in virtù di bella donna puoi.
   O donna, o don del Cielo,
   Anzi pur di colui,
   Che ’l tuo leggiadro velo
   Fe’ d’ambo creator più bel di lui
   Qual cosa non hai tu del ciel più bella?
   Ne la sua vasta fronte
   Mostruoso Ciclope un occhio ei gira,
   Non di luce à chi ’l mira
   Ma d’alta cecità cagione e fonte.
   Se sospira, ò favella,
   Com’irato leon rugge e spaventa;
   E non più ciel, ma campo
   Di tempestosa ed horrida procella