Pagina:Pastor fido.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Col fiero lampeggiar folgori avventa.
   Tu col soave lampo,
   E con la vista angelica amorosa
   Di duo Soli visibili, e sereni,
   L’anima tempestosa
   Di chi ti mira acqueti, e rassereni:
   E suono, e moto, e lume
   E valor, e bellezza, e leggiadria
   Fan sì dolce armonia nel tuo bel viso,
   Che ’l cielo invan presume,
   Se ’l cielo è pur men bel del paradiso
   Di pareggiarsi à te cosa divina.
   E ben ha gran ragione
   Quell’altero animale,
   Ch’huomo s’appella, ed à cui pur s’inchina
   Ogni cosa mortale,
   Se mirando di te l’alta cagione
   T’inchina, e cede. e, s’ei trionfa e regna
   Non è perche di scettro, ò di vittoria
   Sij tu di lui men degna,
   Ma per maggior tua gloria,
   Che quanto il vinto è di più pregio, tanto
   Più glorioso è di chi vince il vanto.
   Ma che la tua beltate
   Vinca con l’huomo ancor l’humanitate,
   Hoggi ne fà Mirtillo à chi nol crede
   Maravigliosa fede.
   E mancava ben questo al tuo valore
   Donna di far senza speranza amore.