Pagina:Pastor fido.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

   Folle garzon, lascia le fere, ed ama.
   Sil.Linco dì pur se sai,
   Mille ninfe darei per una fera,
   Che da Melampo mio cacciata fosse,
   Godasi queste gioie,
   Chi n’ha di me più gusto, io non le sento.
   Lin.E che sentirai tu s’amor non senti,
   Sola cagion di ciò, che sente il mondo?
   Ma credimi, fanciullo:
   A tempo il sentirai,
   Che tempo non havrai.
   Vuol una volta Amor ne’ cuori nostri
   Mostrar quant’egli vale.
   Credi à me pur, che ’l provo:
   Non è pena maggiore
   Che ’n vecchie membra il pizzicor d’amore,
   Che mal si può sanar quel che s’offende,
   Quanto più di sanarlo altri procura,
   Se ’l giovinetto core Amor ti pugne,
   Amor anco te l’ugne,
   Se col duolo il tormenta,
   Con la speme il consola,
   E s’un tempo l’ancide, al fine il sana.
   Ma s’è ti giugne in quella fredda etade,
   Ove il proprio difetto
   Più che la colpa altrui spesso si piagne,
   Allora insoportabili, e mortali
   Son le sue piaghe, al’hor le pene acerbe,
   Al'hora se pietà tu cerchi, male,


A 3