Pagina:Pastor fido.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


   Se non la trovi, e, se la trovi, peggio.
   Deh non ti procacciar prima del tempo
   I difetti del tempo,
   Che se t'assale à la canuta etate
   Amoroso talento
   Havrai doppio tormento,
   E di quel che, potendo, non volesti,
   E di quel che volendo non potrai.
   Lascia lascia le selve,
   Folle garzon; lascia le fere, ed ama.
   Sil.Come vita non sia
   Se non quella che nutre
   Amorosa insanabile follia.
   Lin.Dimmi, se 'n questa sì ridente, e vaga
   Stagion che 'nfiora, e rinovella il mondo,
   Vedessi in vece di fiorite piagge,
   Di verdi prati e di vestite selve,
   Starsi il pino e l'abete e'l faggio e l'orno
   Senza l'usata lor frondosa chioma,
   Senz'herbe i prati, e senza fiori i poggi,
   Non diresti tu, Silvio: il mondo langue,
   La natura vien meno? hor quell'horrore
   E quella maraviglia, che devresti
   Di novità sì mostruosa havere,
   Habbila di te stesso. Il ciel n'hà dato
   Vita à gli anni conforme, ed à l'etate
   Somiglianti costumi; e, come amore
   In canuti pensier si disconvene,
   Così la gioventù d'amor nemica