Pagina:Pastor fido.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO QUINTO

SCENA X.


MIRTILLO, AMARILLI,

Choro di Pastori


   COSI dunque son’io
   Avezzo di penar, che mi convenga
   In mezzo de le gioie anco languire?
   Assai non ci tardava
   Di questa pompa il neghittoso passo.
   Se trà piè non mi dava anco quest’altro
   Intoppo di Corisca?
   Am.Ben sè tu frettoloso. Mir. ò mio tesoro,
   Ancor non son sicuro, ancor’i’ tremo;
   Nè sarò certo mai di possederti,
   Perfin che ne le case
   Non sè del padre mio fatta mia donna.
   Questi mi paion sogni
   A dirti il vero. e mi par d’hora in hora,
   Che ’l sonno mi si rompa,
   E che tu mi t’involi anima mia.
   Vorrei pur ch’altra prova
   Mi fesse homai sentire,
   Che ’l mio dolce vegghiar non è dormire.