Pagina:Pastor fido.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


   M'è, (non sò come) da le mani uscita
   Ma s'ella giunge anco la terza al varco,
   Ho ben pensato d'afferrarla in guisa
   Che non potrà fuggirmi: à punto suole
   Tra queste selve capitar sovente;
   Ed io vò pur come sagace veltro
   Fiutandola per tutto, ò qual vendetta
   Ne vò far, se la prendo, e quale strazio.
   Ben le faro veder, che tal'hor anco
   Chi fù cieco apre gli occhi, e che gran tempo
   De le perfidie sue non si dà vanto
   Femmina ingannatrice e senza fede.


                    CHORO


   O NEL seno di Giove alta, e possente
   Legge scritta anzi nata;
   La cui soave, ed amorosa forza
   Verso quel ben, che non inteso sente
   Ogni cosa creata,
   Gli animi inchina, e la natura sforza.
   Nè pur la frale scorza,
   Che 'l senso à pena vede, e nasce e more
   Al variar de l'hore,
   Ma i semi occulti, e la cagion interna,
   Ch'è d'eterno valor, move, e governa.
 E se gravido è il mondo, e tante belle
   Sue maraviglie, forma;