Pagina:Pastor fido.djvu/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


   E se per entro à quanto scalda il Sole,
   A l’ampia luna, à le Titanie stelle
   Vive spirto che ’nforma
   Col suo maschio valor l’immensa mole:
   S’indi l’hùmana prole
   Sorge, e le piante, e gli animali han vita;
   Se la terra è fiorita,
   O se canuta ha la rugosa fronte
   Vien dal tuo vivo, sempiterno fonte.
 Nè questo pur, ma ciò che vaga spera
   Versa sopra i mortali,
   Onde quà giù di ria ventura ò lieta
   Stella s’addita, hor mansueta or fera,
   Ond’han le vite frali
   Del nascer l’hora, e del morir la meta:
   Ciò che fà vaga ò queta
   Ne’ suoi torbidi affetti humana voglia,
   E par che doni e toglia
   Fortuna; e ’l mondo vuol ch’à lei s’ascriva
   Dall’alto tuo valor tutto deriva:
 O detto inevitabile, e verace;
   Se pur è tuo concetto,
   Che dopo tanti affanni un di riposi
   L’Arcada terra, ed habbia vita e pace;
   Se quel che n’hai predetto
   Per bocca degli oracoli famosi
   De’ duo fatali sposi
   Pur da te viene, e ’n quello eterno abisso,
   L’hai stabilito e fisso;