Pagina:Patria Esercito Re.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Patria Esercito Re pxx0.png


1859


I.


Resurrecturis. — I primi scontri. — I Cavalleggeri Saluzzo. — Il sottotenente Fabio Longhi — I Cavalleggeri di Monferrato. — Il volontario Majnoni. — Il sergente Marmont. — Giulio Litta. — La burocrazia. — Il generale Valfrè. — Napoleone I.


L’anima italiana che freme sotto le catene della servitù di dieci anni, si prepara alla riscossa....

 
Patria Esercito Re p131.jpg
Fabio Longhi.

Un primo raggio di conforto giunge dalle rive della Dora. È la campagna di Crimea, il grande avvenimento che precedette e preluse al 1859, voluta dal genio di Cavour; dove i soldati piemontesi, per disciplina e valore, formarono la meraviglia e l’invidia dei loro alleati.

E, finalmente, l’Angelo della Resurrezione italica sfodera la sua spada radiosa; le trombe della riscossa fanno sussultare sotto la terra ove giacciono, o dentro gli Ossari ove sono pietosamente raccolti, i resti dei morti eroi del 48 e 49!

Eccoci alla campagna del 1859.

Questa si apre con due primi scontri fra la cavalleria italiana e quella austriaca. Uno il 29 aprile, per fatto del sottotenente Fabio Longhi;