Pagina:Pensieri e discorsi.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA GINESTRA




Imaginiamo d’essere trasportati al 1835, e di conoscere di Giacomo Leopardi quello che allora il pubblico poteva conoscerne, cioè quanto ne abbiamo fin ora 1 alle stampe, meno il Tramonto e la Ginestra. Leggiamo l’ultima delle operette morali: il dialogo di Tristano e un amico. Già il dialogo è alla sua fine. Dice Tristano: “Se ottengo la morte, morrò così tranquillo e così contento come se mai null’altro avessi sperato nè desiderato al mondo. Questo è il solo beneficio che può riconciliarmi al destino...„

L'amico tace. Egli sente sopra il capo senile del giovane poco più che settilustre il ventilare delle ali della bellissima fanciulla. La fronte dell’aspettante è eretta, il suo cuore ha gettato da sè ogni vana speranza. La fanciulla che sottoporrà dopo due anni il suo vergineo seno a quel volto esile e smunto, la fanciulla non ha per mano il suo gemello, ch’ella gode

Accompagnar sovente;
E sorvolano insiem la via mortale.

  1. Lo “Zibaldone„ non era ancora edito, quando scrivevo queste parole.