Pagina:Per le vie (1883).djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 il canarino del n. 15.

mente, e si lagnava colla Màlia di sua sorella, che non gli voleva bene come lui gliene voleva, e gli lesinava le buone parole e tutto il resto. Allora il povero giovane non la finiva più coi piagnistei; raccontava ogni cosa per filo e per segno: che piacere le aveva fatto la tal parola, come sorrideva con quella smorfietta, come s’era lasciata dare quel bacio. Almeno provava un conforto nello sfogarsi colla Màlia. Gli pareva quasi di parlare colla Gilda, tanto la Màlia somigliava a sua sorella, nell’ombra, mentre lo ascoltava guardandolo con quegli occhi. Arrivava perfino a prenderle la mano, dimenticando che era mezzo morta su quella seggiola.

— Guardate, le diceva. Vorrei che la Gilda foste voi, col cuore che avete!

Stava lì per delle ore, colle mani sui ginocchi, finchè tornava la Gilda. Almeno