Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 le ostriche di san damiano


E subito dopo mi metteva davanti sul suo reggifiasco di lucidissimo metallo, un fiasco di vino toscano che portava scritto su di un cartellino: «Vino di Chianti stravecchio».

- Ma quest'è troppo, - diss'io, - e poi deve essere carissimo....

- Tutt'altro, signore! - rispose il tavoleggiante, - e poi ella ne berrà quanto crede.

E versando io lieve, lieve, il fragrante liquore in un calice sottile di cristallo e sorbendo, trovai di fatto che era un vino prelibatissimo e mi ricordai del ditirambo del Redi là dove dice:


Montepulciano d'ogni vino è il re!


Anche il pâté, benchè cibo pruriginoso e inusitato al mio gusto, era di rara finezza, e spalmandone alcuni crostini, dicevo a me stesso che un cuoco il quale sa allestire simili manicaretti, è pur degno della riconoscenza de' suoi simili. Terminato il detto cibo, il cameriere comparve e col suo garbato sorriso mi disse:

- Ora le consiglierei una minestra di cappelletti di Bologna: sono giunti freschi stamane e sono ora sul punto buono di cottura.

Non mi parve cortesia rifiutare un consiglio così disinteressato, e accettai i cappelletti, i