Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/131

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Paesaggio delle Marche 119

*


Il paesaggio delle Marche - con quelle città irrigidite lassù sovra alture che non sono più colline e monti ancora non sono - è melanconico.

Si vedono e si guardano tutte: Osimo, Castelfidardo, Loreto, Macerata, Recanati: non benevolmente si guardano e pare dicano l'una all'altra: “Tu sei più morta di me!„

Io sentivo di entrare nel dominio di un'anima melanconica, e gli occhi teneva rivolti verso ponente, al lontano colle di Recanati. Sopra appunto vi galoppavano le nubi allora; galoppavano e correvano, e per certo effetto di luce lucida e fosca, si distinguevano bene le case della patria tua, Leopardi!

Nella gente che incontravamo per salire a Loreto - e la cupola del Bramante e i turriti sproni del tempio già giganteggiavano sul capo - suonano pure e antiche voci italiche e certi scorci di fraseggiare così eleganti che que' villani sembrano aver fatto i loro studi esclusivamente su qualche codice del trecento. Così la pronuncia nulla ha della sguaiatezza meridionale o della leziosaggine to-