Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
200 le vicende del signor x***

battaglie, folgorava contro di esse due occhi terribili.

Intanto aveva disdetto l'abbonamento alla Perseveranza, non leggeva più il Corriere, comperava il Secolo e l’Italia del Popolo.

Ma da qualche tempo l'aveva su anche con questi due ultimi giornali: “Chiacchiere, chiacchiere, chiacchiere: la rivoluzione non la fanno che a parole, buoni a niente!„


*


Queste informazioni sul signor X*** noi le possiamo dare con piena sicurezza di dire il vero.

Quanto alla signorina Y*** non sappiamo nulla di certo.

Era maestra di storia in una scuola normale o tecnica che fosse: con la veletta e la mantellina pareva ancor giovane e flessuosa: senza veletta dimostrava, ad un occhio esperto, un'età alquanto vicina ai quaranta. Però aveva bei benti, carnagione olivastra, belle mani, begli occhi, almeno così avea finito col parere al signor maggiore, giacchè, ben si sa, l'abitudine di veder sempre una faccia di donna ha per effetto di farla trovar bella. Adone, se a lungo dovesse convivere