Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e della signorina y*** 209

- rispose la signorina Y***, crollando melanconicamente il capo, - allora è buona regola il dire che se ne fa senza volentieri.

- Ecco un esempio di sincerità degno di essere registrato nelle storie.

- Crede lei che le donne dicano la bugia?

Il signor X*** si storse senza rispondere e anzi per impedire a certe frasi poco convenienti di uscir dalla bocca, vi versò dentro un bicchierino di cognac.

- Io, come io, - disse proseguendo con candidezza di sentimento e dolce loquela la donna, - avrei preferito essere una buona mamma che una mediocre maestra.


*


L'antivigilia di Natale la signorina X*** venne al restaurant con molti pacchi. Il maggiore volle veder tutto e passò una serata piacevolissima: sopra ogni altra cosa lo rallegrò una bambola snodata che muoveva gli occhi e faceva: na! na!

Ma i giorni del santo Natale furono per il signor X*** neri addirittura. Quando lo stomaco non digerisce, le tinte del mondo si mutano e poi tutta quella gente lombarda con delle facce ridenti come maggi (benchè