Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/228

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
216 le vicende del signor x***


- Allora che venga avanti, - disse la signorina Y***.

E il signor capitano entrò con molto sussiego: un piccolo magro elegante capitano, tutto lucido dalle scarpe di copale al berretto, ai guanti. Aveva l'aspetto di chi deve compiere una seria e difficile missione.

- Le posso offrire il mio baule o questa sedia.... come crede, - disse ella liberando la seggiola meno ingombra, - Come vede, sono su le mosse di partire....

Il piccolo capitano fece cenno con la mano come a dire che non gliene importava niente del disordine e si sedette come chi ha da fare un lungo discorso. Cominciò:

- Ella saprà benissimo quello che accadde al signor maggiore....

- Mio Dio, gli sarebbe successa una qualche disgrazia?

Il signor capitano accennò un tranquillo diniego con la bella mano guantata.

- Ammalato?

- Nemmeno.

Si fermò, poi concentrando nel monocolo tutta la forza visiva, incise queste parole:

- Semplicemente innamorato!

La signorina Y*** diede in un'allegra risata: il signor capitano rimase serio.