Pagina:Piccole storie del mondo grande - Alfredo Panzini - 1901.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la bicicletta di ninì 277

pensiero più increscioso della ricerca del tempo che avrebbe Ninì impiegato: l'idea del pericolo!

In quel silenzio della stanza più rade si facevano le parole, più forte e alta l'idea del pericolo.

Quando fu grande tanto da non poter più essere trattenuta, fu prima la signora che disse piano, quasi che la calma della voce dovesse attenuare la terribilità della cosa.

- C'è poi quel cagnaccio della fornace....

- Già.... quel cagnaccio.... - -fece eco il signor Alberto, sorpreso perchè egli pure pensava al cagnaccio della fornace, e non lo voleva dire per non ispaventare le donne.

- Va, va a vedere quello che accade, - disse allora nervosamente la mamma.

- Va, corri.... corri.... su, fa presto, - spasimò la nonna.

Il signor Alberto non rispose, non prese nemmeno il cappello, precipitò per le scale, corse tutto il piccolo viale, corse un buon tratto per la strada bianca.

Ma dopo un poco sentì il respiro diventargli grosso, e capì che sarebbe stato assurdo arrivare di corsa alla fornace. Studiò dunque il passo, ma dalla mente non gli si partiva il cagnaccio, e ogni altro pericolo