Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 capitolo v

bado, tiro drito. Son sul pato de la scala per andar in cusina; ghe xe de le giozze. Zitto! - Cossa gala spanto? digo. Me sbasso, meto un deo in tera; tasto, xe onto; snaso, el xe ogio. Alora ghe vado drio a le giozze. Tasto, snaso, tasto, snaso. Tutto ogio, Controllore gentilissimo. O ’l xe vegnudo, digo, o ’l xe andà via. Se el xe vegnudo lo gà portà el massaro e alora le giozze co semo fora de la porta le ga d’andar in suso; se el xe andà via vol dir che quela maledettissima... La tasa!... lo gà portà a vender a S. Mamette e alora le giozze le gà d’andar in zoso. E mi torna in drio e vaghe drio a ste giozze e drio e drio, rivo a la porta; Controllore mio gentilissimo, le giozze le va in zoso. Quela b...»

A questo punto la voce della serva scattò come la sveglia d’un orologio e non ci fu più «tasì!» che valesse a fermare quello stridente getto continuo di parole rabbiose. Ci si provò Pasotti e, non riuscendo, uscì dai gangheri anche lui con un «O fiolonona!» e proseguì a tirarle improperi, a ciascuno dei quali il signor Giacomo faceva un sommesso accompagnamento di gratitudine. «Sì, linguazza, bravo, ghe son obligà. Sì, stria, bravo. Impiastro, sì signor. Ghe son obligà, Controllore gentilissimo, ghe son propramente obligà.»

Quando la Marianna parve sopraffatta e chetata, Pasotti disse al signor Giacomo che aveva bisogno di parlargli. «No go testa» rispose l’ometto «La me perdona, me sento mal,»