Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/195

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la sonata del chiaro di luna, ecc. 191

ma che suo marito l’aveva incoraggiata. E domandò se quell’altro signore di Loveno non suonava anche lui, se si fermavano un pezzo; osservò che dovevano avere ambedue una gran passione per la musica.

«Aspetta me, birbone d’un Ricevitore» pensò Luisa e rimpinzò sua moglie delle più comiche frottole sulla melomania di Pedraglio e dell’avvocato, infilzandone tante più quanto più s’irritava contro la gente odiosa da cui era forza salvarsi a furia di menzogne. La signora Peppina le inghiottì scrupolosamente tutte fino all’ultima, accompagnandovi affettuose note di lieta meraviglia: «Oh bell, oh bell! — Figürèmes! — Ma guardee!» Poi, invece di ascoltare la diabolica disputa del piano col fagotto, parlò del Commissario di Porlezza e disse ch’egli aveva l’intenzione di venir a vedere i fiori di don Franco.

«Venga pure» fece Luisa, fredda.

Allora la signora Peppina, approfittando di un uragano che Franco e l’amico suo facevano insieme, arrischiò un discorsetto intimo che guai se il suo Carlascia l’avesse udito; ma fortunatamente il buon bestione dormiva nel proprio letto col berretto da notte tirato sugli orecchi.

«Mi goo inscì mai piasè de sti car fior!» diss’ella. Secondo lei, i Maironi avrebbero fatto bene ad accarezzare un poco il signor Commissario. Era intimo della marchesa e guai se gli veniva il ticchio di farli tribolare! Era un uomo terribile, il