Pagina:Piccolo Mondo Antico (Fogazzaro).djvu/337

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ore amare 333

tu giudichi, tu sentenzii, tu sei la sola che intende cosa Dio vuole e cosa non vuole! Questo no, sai, del resto. Di’ pure di me quello che ti piace ma lascia stare le cose che non capisci. Occupati del tuo stivale, piuttosto!»

Egli non voleva vedere in sua moglie che l’orgoglio e la sua stessa collera gli era nata quasi tutta d’orgoglio, d’amor proprio offeso, era una collera impura che gli offuscava la mente e il cuore. Sì la moglie che il marito avrebbero creduto poter essere accusati di tutto fuorché d’orgoglio.

Ella tacque, riprese il suo posto, tentò riprendere il lavoro, maneggiava nervosamente gli strumenti senza saper bene che si facesse. Franco se n’andò in sala, sbattendo l’uscio dietro a sé.

Nel buio della sala, abbandonata dopo le cinque, si gelava: ma Franco non se n’accorse. Si buttò sul canapè, si diede tutto al suo dolore, alla sua collera, a una facile, violenta difesa mentale di se stesso contro la moglie. Siccome Luisa si era levata, fosse pure con certi temperamenti, contro lui e contro Dio, gli faceva comodo di confondere in cuor suo la propria causa con quella dell’altro muto, terribile Offeso. La sorpresa, l’amarezza, l’ira, le buone e le cattive ragioni gli fecero prima una turbinosa tempesta nel cervello. Poi si sfogò a immaginare pentimenti di Luisa, domande di perdono, magnanime risposte proprie.

A un tratto udì Maria gridare e piangere. Si